fbpx

Hagen Quartett: intervista a Rainer Schmidt

Hagen Quartett: intervista a Rainer Schmidt

Intervista a Rainer Schmidt, secondo violino Hagen Quartett

 Nella stagione degli Amici della Musica di Firenze presenterete due programmi che includono quartetti d’archi di Mozart, Webern e Čaikovskij (24 febbraio) e di Beethoven, Webern e Debussy (25 febbraio). I lavori di Webern – i Cinque pezzi op. 5 e le Sei Bagatelle op. 9 – sono collocati al centro dei programmi e creano un’interessante simmetria nell’insieme della vostra proposta musicale. Potreste raccontarci come avete concepito entrambi i programmi?

Abbiamo sempre pensato che i primi pezzi di Webern fossero fortemente radicati nella prima scuola viennese, ma con l’impiego di tecniche che sono poi state sviluppate in seguito. Il modo in cui Webern comunica sentimenti e condizioni umane – e così i temi che sceglie di esprimere – non è molto diverso da quello di 100 anni prima di lui. Questo crea un’interessante combinazione con i “Maestri viennesi più anziani”. Debussy, d’altra parte, è quasi un contemporaneo di Webern, ha un po’ meno di vent’anni più di lui. Anche il suo quartetto d’archi è appena più vecchio di vent’anni rispetto alle composizioni di Webern che eseguiremo. Ma il risultato dei rispettivi quartetti è enormemente diverso per i due compositori. Per questo, troviamo molto curioso mettere insieme questi due autori.

L’Hagen Quartett è stato fondato nel 1981, e tre componenti del quartetto (Lukas, Veronika e Clemens) sono fratelli. In seguito, si è aggiunto lei al gruppo. Cos’è cambiato nel quartetto dopo il suo ingresso? Secondo lei, quali sono le differenze fra suonare in un quartetto come il vostro, suonare in altri ensemble o come solisti?

Io, Rainer Schmidt, ovviamente posso rispondere solo per quanto mi riguarda. Piuttosto che cambiamenti, trovo interessante come molte cose non siano cambiate affatto. Siamo sempre molto puntuali, molto concentrati durante le prove ma senza farci mancare mai momenti per scherzare. Ci impegniamo per fare del nostro meglio. I cambiamenti che ci sono stati sono dovuti alla nostra vita personale, alle famiglie, ecc.

Siete tutti docenti di istituzioni prestigiose (Universität Mozarteum di Salisburgo e Hochschule für Musik di Basilea). Quali sono i principali consigli che date ai vostri studenti che vorrebbero iniziare una carriera musicale? 

È praticamente impossibile rispondere a questa domanda. Penso che ogni studente si meriti il proprio consiglio e la propria guida. Ho idea che molti studenti in questo momento siano consapevoli di quanto sia difficile diventare un professionista nel campo della musica. Vorrei sempre che non perdano l’amore per la musica, e che continuino a ricevere tutte le meraviglie che la musica dei grandi compositori può offrire.

Può raccontarci qualcosa dei vostri progetti futuri?

L’interpretazione della cosiddetta musica classica è profondamente cambiata negli ultimi trent’anni. Siamo sempre contenti di non dover ripetere quello che abbiamo già fatto, e di trovare nuovi modi di suonare. Altri modi di osservare la musica. Vorremmo davvero tanto continuare a fare così: cercare un’interpretazione che sia comunicativa, umana e che arricchisca la vita.